Formazione alla Ricerca

I Corsi di Formazione alla Ricerca (CFRA) sono finalizzati allo svolgimento di attività di ricerca di alta qualificazione negli ambiti delle arti visive, delle arti applicate, della progettazione e delle nuove tecnologie, della conservazione e del restauro di beni culturali e artistici, delle teorie, metodologie, didattica e comunicazione delle arti. Le tematiche e le relative denominazioni devono essere sufficientemente ampie e riferirsi a un settore artistico–disciplinare o a un’aggregazione di più settori.

I Corsi di Formazione alla Ricerca (CFRA) possono essere istituiti in consorzio con altre istituzioni AFAM e Università, o in convenzione con soggetti pubblici e privati in possesso dei requisiti di elevata qualificazione artistica, scientifica, culturale e tecnologica, nonché di strutture idonee.

Il CFRA hanno durata triennale.

Nei limiti delle risorse finanziarie disponibili, gli ammessi ai CFRA possono godere di borsa di studio.

Istituzione dei Corsi

Le strutture dipartimentali di competenza, inclusi i centri di ricerca che venissero a costituirsi, propongono al Consiglio Accademico, l’istituzione di Corsi di Formazione alla Ricerca. Ogni proposta deve contenere:

  • Il tema della ricerca definito all’interno delle aree scientifico-disciplinari individuate dal MIUR;
  • le finalità e le modalità di svolgimento del corso di formazione, corredato da programmi formativi, attività didattiche e relativi calendari;
  • i requisiti di partecipazione al corso;
  • le strutture utilizzabili;
  • il piano di fattibilità finanziaria;
  • le risorse economiche disponibili;
  • le eventuali altre sedi accademiche o strutture universitarie con cui consorziarsi ed il loro apporto nel contesto didattico, organizzativo e finanziario;
  • eventuali soggetti pubblici o privati con cui stipulare convenzioni per l’attivazione dei corsi;
  • la composizione dei Consigli di Corso di Formazione alla Ricerca in cui siano presenti professori, di prima e seconda fascia, e di tutori, con documentata produzione artistica e scientifica nell’ultimo quinquennio nell’area di riferimento del corso;
  • l’indicazione del Coordinatore del Corso di Formazione individuato tra i docenti di prima fascia.
  • Il Direttore dell’Accademia, ai sensi dell’art.5 del DPR 212/2005 previa approvazione con decreto del Ministro, istituisce i CFRA e provvede alla diffusione attraverso pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Organi dei Corsi

Sono organi del Corso di Formazione alla Ricerca artistica:

Il Coordinatore del Corso di Formazione, scelto tra i docenti di ruolo di prima fascia e di seconda fascia fra i docenti delle Istituzioni che collaborano al Corso di Formazione alla ricerca, avente il compito di:

  • coordinare l’attività didattica dei dottorandi;
  • convocare il Consiglio di Corso e presiederlo;
  • comunicare al Direttore dell’Accademia, al Dipartimento ed alla Scuola, le deliberazioni assunte dal Consiglio di Corso;
  • autorizzare i dottorandi a recarsi presso le sedi accademiche consorziate o presso altre istituzioni o centri di ricerca, anche estere, per lo svolgimento delle attività di ricerca previste sulla base dell’attività programmata;
  • redigere la relazione finale sull’andamento del Corso di formazione a conclusione del Corso;
  • attestare la partecipazione alle attività previste dal Consiglio del Corso.

Il Consiglio di Corso, formato da tutti i docenti che operano nel Corso medesimo, di cui almeno quattro di prima fascia, nonché da eventuali ricercatori afferenti, possiede il compito di:

  • definire articolatamente i curricula dei dottorandi tramite l’approvazione del piano di studi e di ricerca, stabilendo tempi e modalità delle verifiche intermedie;
  • organizzare i seminari di formazione di base e quelli di approfondimento su tematiche specifiche anche attraverso collaborazioni di docenti o esperti esterni;
  • designare i tutor che seguano la ricerca di ciascun dottorando anche esterni al Consiglio;
  • relazionare periodicamente sull’avanzamento delle attività di ricerca di ciascun dottorando verificandone l’avanzamento del progetto di ricerca e della tesi in ambito artistico, scientifico e metodologico;
  • proporre relazioni e convenzioni con Enti pubblici o privati per iniziative di sostegno ai Corsi di Formazione, ivi compresa l’assegnazione di borse di studio;
  • approvare la relazione annuale sulle attività di ricerca svolte dai dottorandi per l’ammissione agli anni successivi.

Ammissione

L’ammissione ai CFRA richiede il possesso del Diploma accademico di II livello o di laurea magistrale, ovvero di altro titolo di studio conseguito all’estero e ritenuto idoneo.

Il bando di concorso per l’ammissione è emanato dal Direttore dell’Accademia ed è pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Il Direttore ne invia tempestivamente comunicazione al MIUR per la diffusione a livello nazionale tramite mezzi informatici. Il bando di concorso indica:

  • il numero complessivo dei candidati da ammettere, non inferiore a tre;
  • il numero e l’ammontare delle borse di studio nella misura consentita dalle risorse interne dell’istituzione o rese disponibili dai soggetti eventualmente consorziati o convenzionati;
  • le modalità di svolgimento delle prove di ammissione.

Conseguimento del Diploma

La prova finale, di cui al successivo art. 34 del presente Regolamento, consiste nella realizzazione di un progetto di ricerca approvato dalle strutture didattiche di riferimento, sotto forma di produzione e/o di una tesi di Dottorato originale, discussi pubblicamente davanti ad una commissione formata dai docenti del Corso e dagli eventuali membri esterni all’istituzione esperti dell’area disciplinare di riferimento, nominata dal Direttore dell’Accademia.

I contenuti e i requisiti della prova sono definiti nell’ordinamento didattico del corso deliberato dal Consiglio di Corso di formazione alla ricerca.

Valutazione dei Corsi di Formazione alla Ricerca Artistica

I CFRA saranno valutati dal Nucleo di Valutazione sulla base dei seguenti criteri:

  • sussistenza dei requisiti di idoneità per l’istituzione del CFRA;
  • rispondenza del corso agli obiettivi del tema di ricerca proposto anche in relazione agli sbocchi professionali ed al livello di formazione dei dottorandi;
  • programmi di “didattica strutturata” per la Formazione alla Ricerca con forte integrazione fra il campo delle conoscenze specialistiche e quello delle metodologie della ricerca artistica;
  • aggregazione di competenze, strutture, risorse materiali e umane dell’Accademia attraverso la costituzione di specifici poli artistici che facciano emergere le potenzialità di eccellenza didattica e di ricerca dell’Accademia in relazione al comprensorio in cui opera;
  • proiezione, in ambito internazionale, mediante previsione di percorsi congiunti con Accademie straniere e/o con periodi di studio-ricerca all’estero della durata di un anno o di due semestri;
  • convenzionamento con altre istituzioni accademiche o universitarie, italiane o straniere, o con soggetti, pubblici o privati, in possesso di requisiti di alta qualificazione culturale ed artistica per una co-progettazione e co-gestione dello specifico percorso formativo in modo da assicurare ai dottorandi periodi di formazione nell’ambito di gruppi di ricerca specializzati.